Qualità delle piante da tartufo - Piante Tartufigene certificate

vivaiomediterraneo.com
logo vivaio
giovani piante mediterranee tartufigene
Vai ai contenuti

Qualità delle piante da tartufo

Certificazione ai sensi della Legge n°752 del 16/12/1985
 Una pianta può ottenere la certificazione di tartufigena quando gli apici radicali risultano micorrizati in percentuale di almeno il 30% e assenti altri tipi di funghi.

Differenza tra Certificazione e Rapporto di prova
   Il rapporto di prova indica il grado di micorrizazione di una singola pianta, la certificazione è riferita ad un lotto di piante rivelandone la percentuale media di micorrize tramite analisi a campione.

Controllo piante micorrizate*
Analisi morfologiche: prima di procedere alla valutazione quali-quantitativa delle micorrize si accerta che le piante possiedano le caratteristiche bio-morfologiche di stato vegetativo, sviluppo dell’apparato aereo e radicale e sanità adeguate alle produzioni vivaistiche. Le piante campionate si estraggono dal contenitore ed il substrato allontanato da ciascuna pianta lavando delicatamente l'apparato radicale, curando di ridurre al minimo la perdita per distacco degli apici micorrizati. Le piante a radice nuda sono subito sottoposte ad analisi onde evitare il loro deterioramento. L’entità della micorrizazione di ciascuna pianta è accertata esaminando al microscopio stereoscopico l'intero apparato radicale al fine di individuare la presenza di micorrize attribuibili al genere Tuber e di eventuali altre forme differenziabili per caratteri morfologici. Il conteggio degli apici micorrizati è effettuato su 4 radici della porzione distale e 4 della porzione prossimale. Gli apici radicali sono separati in: i) micorrizati dalla specie di tartufo dichiarata; ii) micorrizati da altre specie fungine; iii) non micorrizati. Sono quindi calcolate le percentuali degli apici micorrizati dalla specie di tartufo dichiarato, degli apici micorrizati da altre specie fungine e di quelli non micorrizati, riferite al totale degli apici contati. Alcuni tratti dell’apparato radicale sono stati prelevati per l’analisi molecolare e conservati in congelatore (-20°C.

    Analisi molecolari: il DNA genomico (gDNA) totale è  estratto dai campioni di radici seguendo il protocollo del kit NucleoSpin Plant II (Macherey-Nagel), basato su metodo CTAB, a partire da circa 100 mg di radici. Il gDNA dei vari campioni è poi amplificato con i primers specie-specifici ITSML e ITS4LNG (Paolocci et al., 1999) per verificare la presenza di T. melanosporum e BTAE-F e BTAEMB-R (Gryndler et al., 2011) per verificare la presenza di T. aestivum, utilizzando in entrambi i casi la Xpert Hotstart 2X Master Mix (Grisp) e seguendo le istruzioni del produttore. In ogni fase sono  utilizzati sia controlli positivi che negativi.


   Le analisi molecolari  si utilizzano per superare i limiti applicativi della metodologia morfologica, l'utilizzo di sonde DNA permette di seguire le varie fasi della dinamica della micorrizazione ed escludere le certificazioni dubbie conseguenti ad una differente manifestazione genica nella fase di micorrizazione del tartufo.



*fonte PhyDia
Analisi piante da tartufo

Certificazione lotti del 13/11/2020

Piante da tarufo - certificazione ai sensi della Legge n°752 del 16/12/1985
Certificazione lotti del 13/11/2020

Piante da tarufo - certificazione ai sensi della Legge n°752 del 16/12/1985
Certificazione lotti del 21/10/2020

Piante da tarufo - certificazione ai sensi della Legge n°752 del 16/12/1985
Certificazione lotti del 21/10/2020

Piante da tartufo - certificazione ai sensi della Legge n°752 del 16/12/1985
Certificazione lotti del 07/10/2020

Piante da tartufo - certificazione ai sensi della Legge n°752 del 16/12/1985
Rapporto di prova del 15/09/2020

Piante da tartufo - rapporto di prova in PDF - Il documento "Rapporto di prova" non costituisce certificazione ufficiale
Rapporto di prova del 09/06/2020
Piante da tartufo - rapporto di prova in PDF - Il documento "Rapporto di prova" non costituisce certificazione ufficiale
Certificazione lotti del 06/11/2019
Piante da tartufo - certificazione ai sensi della Legge n°752 del 16/12/1985
Certificazione lotti del 10/11/2017
Piante da tartufo - certificazione ai sensi della Legge n°752 del 16/12/1985
Torna ai contenuti